Amsterdam congress
Tumori testa-collo
XXIII World Congress of Neurology

Le cellule B influenzano la patogenesi della sclerosi multipla. Ocrelizumab ( Ocrevus )è un anticorpo monoclonale umanizzato che causa deplezione selettiva delle cellule B CD20+. In due studi ...


Una comprensione in evoluzione della immunopatogenesi della sclerosi multipla suggerisce che la deplezione delle cellule B potrebbe essere utile per il trattamento. È stato studiato Ocrelizumab ( Ocr ...


Il passaggio dal trattamento con Interferone o Glatiramer acetato a Rituximab ( MabThera ) è associato a una minore attività infiammatoria nella sclerosi multipla recidivante-remittente. Sono stati ...


Sono stati valutati gli esiti per i pazienti trattati con Interferone beta-1b subito dopo la sindrome clinicamente isolata o dopo un breve ritardo. I partecipanti allo studio BENEFIT ( Betaferon / B ...


Nella sclerosi multipla le nuove strategie di trattamento modificanti la malattia permettono il trattamento personalizzato. In uno studio di fase II multicentrico, in aperto, sono state valutate le ...


Un basso livello di vitamina D è associato a un decorso più grave e a una bassa qualità di vita nella sclerosi multipla recidivante-remittente. L'assunzione di un basso dosaggio di Vitamina D ha most ...


È stato studiato il profilo di sicurezza e sono stati caratterizzati gli effetti immunologici della integrazione di Colecalciferolo ( Vitamina D3 ) ad alto versus basso dosaggio nei pazienti con scler ...


Non sono stati approvati trattamenti per la sclerosi multipla primaria progressiva. Fingolimod ( Gilenya ), un modulatore del recettore sfingosina 1-fosfato ( S1P ) orale, è efficace nell’esordio di r ...


La modulazione dei recettori della sfingosina 1-fosfato ( S1P ) in modo non-selettivo diminuisce l'attività della malattia nei pazienti con sclerosi multipla, ma ha potenziali problemi di sicurezza. ...


Le recidive di sclerosi multipla diminuiscono durante la gravidanza, quando aumenta l’ormone Estriolo. Il trattamento con Estriolo è anti-infiammatorio e neuroprotettivo in studi preclinici. In un p ...


Daclizumab HYP ( Daclizumab high-yeld process; Zinbryta ) è un anticorpo monoclonale umanizzato che si lega a CD25 ( subunità alfa del recettore dell'interleuchina-2 ) e modula il segnalamento della i ...


Sono state studiate le determinanti e correlazioni cliniche di perdita di volume cerebrale alla risonanza magnetica rilevata tra i pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente dagli studi di ...


Nessun farmaco è stato trovato avere un impatto sulla sclerosi multipla progressiva ( SM ). La Biotina è una vitamina che agisce da coenzima per le carbossilasi coinvolte in fasi chiave del metabolism ...


Nello studio SELECT, l’attività di malattia è risultata ridotta in pazienti con sclerosi multipla che hanno ricevuto Daclizumab HYP ( high-yield process; processo ad alta resa; Zinbryta ) per 52 setti ...


Uno studio di fase IIb in doppio cieco, controllato con placebo, di ricerca del dosaggio ottimale, ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Ponesimod, un modulatore del recettore S1P1 selettivo orale ...