SclerosiOnline.net Sclerosi multipla


L’attività della malattia è molto variabile nei pazienti con sclerosi multipla sia in assenza di trattamento, sia durante la terapia con Interferone-beta.

La malattia breakthrough, caratterizzata da risposta transitoria e successiva riacutizzazione, è spesso vista come un fallimento del trattamento, tuttavia, ad eccezione degli anticorpi neutralizzanti ( NAb ), non esistono biomarcatori ematici che fungano da indicatori della risposta al trattamento, nonostante effetti sostanziali e biologicamente misurabili.

Uno studio ha valutato la risposta biologica al trattamento in una coorte di pazienti NAb-negativi per verificare se le differenze nella risposta fossero in grado di distinguere i pazienti con e senza malattia breakthrough nel corso della terapia.

Utilizzando le tecniche del microarray e della PCR è stata analizzata l’espressione genica in cellule del sangue di 23 pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente su campioni raccolti prima del trattamento e a 9-12 ore dopo la somministrazione di Interferone-beta a 3 e 6 mesi di trattamento.

La definizione di malattia breakthrough era basata su manifestazione di recidive, progressione della disabilità o attività sub-clinica alla risonanza magnetica 3T a 3 e 6 mesi.

In totale, 16 pazienti hanno mostrato malattia breakthrough e 7 sono risultati stabili.

Le analisi con microarray e PCR hanno messo in evidenza effetti importanti del trattamento con Interferone-beta sui profili di espressione genica, ma le risposte biologiche non hanno mostrato differenze tra pazienti con malattia breakthrough e pazienti stabili.

Le variabili pre-trattamento hanno però mostrato differenze: nei pazienti con malattia breakthrough sono stati osservati: espressione basale più bassa di IL-10, più lesioni captanti il Gadolinio e un maggior numero e volume delle lesioni in T2.

In conclusione, la malattia breakthrough durante la terapia con Interferone-beta non va di pari passo alle differenze nella risposta biologica al trattamento in pazienti NAb-negativi.
La spiegazione più probabile è che variazioni spontanee nell’attività della malattia siano causa dei livelli variabili di malattia breakthrough osservati in pazienti trattati con Interferone-beta per sclerosi multipla. ( Xagena2010 )

Hesse D et al, Neurology 2010; 74: 1455-1462


Neuro2010 Farma2010