Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Alta dose di Vitamina-D nella sclerosi multipla recidivante-remittente


Una più alta latitudine, una minore esposizione alla luce ultravioletta, e un più basso livello sierico di 25-Idrossivitamina D ( 25OHD ) correlano con più elevata prevalenza di sclerosi multipla, maggior tasso di recidiva e maggiore mortalità.

È stato dunque condotto uno studio per valutare gli effetti di un'elevata dose di Vitamina D2 nella sclerosi multipla.

Adulti con sclerosi multipla recidivante-remittente clinicamente attiva sono stati randomizzati a un trattamento di 6 mesi in doppio cieco e placebo-controllato con alta dose di Vitamina D2, capsula da 6000 UI, con una dose aggiustata in modo empirico per raggiungere un livello sierico di 25OHD di 130-175 nM.

Tutti i partecipanti hanno ricevuto una bassa dose giornaliera ( 1000 UI ) di Vitamina D2 per prevenirne la carenza.

Esami di risonanza magnetica cerebrale sono stati effettuati al basale e a 4, 5 e 6 mesi.

Gli endpoint primari erano il numero cumulativo di nuove lesioni captanti il Gadolinio e il cambiamento nel volume totale delle lesioni T2, mentre quelli secondari erano il punteggio EDSS ( Expanded Disability Status Scale ) e le recidive.

Nello studio sono state randomizzate 23 persone e 19 di loro erano in trattamento con Interferone o Glatiramer acetato ( Copaxone ).

Il livello mediano di 25OHD è salito da 54 a 69 nM ( bassa dose di Vitamina D2 ) vs da 59 a 120 nM ( alta dose di Vitamina D2 ) ( p=0.002 ).

Non sono state osservate differenze significative legate al trattamento negli endpoint primari di risonanza magnetica.

Il punteggio EDSS in entrata, dopo aggiustamento per il punteggio in entrata, è risultato più alto in seguito ad alta dose di Vitamina D2 che dopo bassa dose ( p=0.05 ).

Si sono verificate 4 recidive con alta dose di Vitamina D2 versus nessuna con bassa dose ( p=0.04 ).

In conclusione, non è stato osservato un vantaggio terapeutico nella sclerosi multipla recidivante-remittente della supplementazione con alta dose di Vitamina D2 rispetto a supplementazione con bassa dose.
Questo studio ha fornito la prova che un'elevata dose di Vitamina D2 ( obiettivo di 25OHD 130-175 nM ), rispetto a supplementazione a bassa dose ( 1000 UI/giorno ), non è efficace nel ridurre le lesioni in risonanza magnetica in pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente. ( Xagena2011 )

Stein MS et al, Neurology 2011; 77: 1611-1618


Neuro2011 Farma2011


Indietro