Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Fingolimod orale per la sclerosi multipla recidivante


La somministrazione orale di Fingolimod ( Gilenya ), un modulatore del recettore della sfingosina-1-fosfato che previene l’uscita dei linfociti dai linfonodi, ha migliorato significativamente il tasso di recidiva e gli endpoint misurati con la risonanza magnetica per immagini sia rispetto al placebo sia rispetto all’Interferone beta-1a per via intramuscolare, in studi di fase 2 e 3 sulla sclerosi multipla.

Lo studio FREEDOMS, in doppio cieco e randomizzato, della durata di 24 mesi, ha coinvolto pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente.
I pazienti arruolati avevano un’età compresa tra 18 e 55 anni, un punteggio tra 0 e 5.5 alla scala EDSS ( Expanded Disability Status Scale ) ( che va da 0 a 10, con i punteggi più alti a indicare una maggiore disabilità ), e che avevano avuto una o più ricadute nel precedente anno o 2 o più nei precedenti 2 anni.

I pazienti hanno ricevuto Fingolimod per via orale alla dose di 0.5 mg o 1.25 mg al giorno, oppure placebo.

Gli endpoint includevano il tasso annualizzato di ricaduta ( endpoint primario ) e il tempo alla progressione della disabilità ( endpoint secondario ).

Un totale di 1033 su 1272 pazienti ( 81.2% ) ha completato lo studio.

Il tasso annualizzato di ricaduta è stato pari a 0.18 con 0.5 mg di Fingolimod, 0.16 con 1.25 mg di Fingolimod e 0.40 con placebo ( P minore di 0.001 per ciascuna dose versus placebo ).

Fingolimod alle dosi di 0.5 mg e 1.25 mg ha ridotto in modo significativo il rischio di progressione della disabilità nell’arco di 24 mesi ( hazard ratio, HR=0.70 e 0.68, rispettivamente; P=0.02 vs placebo, per entrambi i confronti ).

La probabilità cumulativa di progressione della disabilità ( confermata dopo 3 mesi ) è stata del 17.7% con 0.5 mg di Fingolimod, 16.6% con 1.25 mg di Fingolimod e 24.1% con placebo.

Entrambe le dosi di Fingolimod sono risultate superiori al placebo riguardo alle misure correlate alla risonanza magnetica per immagini ( numero di nuove lesioni o lesioni allargate nelle immagini pesate in T(2), lesioni captanti il Gadolinio e perdita di volume cerebrale; P minore di 0.001 per tutti i confronti a 24 mesi ).

Le cause di interruzione dello studio e gli eventi avversi legati a Fingolimod hanno incluso: bradicardia e blocco della conduzione atrioventricolare al momento dell’inizio del trattamento con Fingolimod, edema maculare, elevati livelli degli enzimi epatici e ipertensione lieve.

In conclusione, rispetto al placebo, entrambe le dosi di Fingolimod per via orale hanno migliorato il tasso di recidiva, il rischio di progressione della disabilità e gli endpoint alla risonanza magnetica per immagini ( MRI ).
Questi benefici devono essere valutati in base ai possibili rischi a lungo termine. ( Xagena2010 )

Kappos L et al, N Engl J Med 2010; 362: 387-401



Neuro2010 Farma2010




Indietro