Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

I fumatori ad aumentato rischio di sviluppare anticorpi anti-Natalizumab


Il fumo può contribuire alla induzione di anticorpi neutralizzanti l'Interferone beta-1a.

Uno studio ha indagato l'influenza del fumo sul rischio di sviluppare anticorpi anti-Natalizumab, un altro farmaco biologico per il trattamento della sclerosi multipla.

Il report si basa su 1338 pazienti con sclerosi multipla trattati con Natalizumab ( Tysabri ), inclusi in due studi caso-controllo svedesi.

Utilizzando la regressione logistica, sono stati confrontati i pazienti con diverse abitudini di fumo sul rischio di sviluppare anticorpi anti-Natalizumab.

Rispetto ai non-fumatori, l'odds ratio di sviluppo di anticorpi anti-Natalizumab è stato pari a 2.4 per i pazienti che fumavano al momento dello screening; è stato riscontrato un rischio più elevato di anticorpi in via di sviluppo con una maggiore intensità del fumo.

Quando è stata presa in considerazione l’abitudine al fumo due anni prima dello screening, l'odds ratio di sviluppo di anticorpi anti-Natalizumab è stato pari a 2.7.

Questi risultati rafforzano l’ipotesi del ruolo dei polmoni come organi immuno-reattivi su irritazione in relazione alle risposte autoimmuni.
Questo dato può essere di rilevanza clinica in quanto gli anticorpi contro Natalizumab annullano l'effetto terapeutico del trattamento. ( Xagena2014 )

Hedström AK et al, Mult Scler 2014; 20: 1081-1085

Neuro2014 Pneumo2014 Farma2014


Indietro