Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Il trattamento con Fingolimod porta a un aumento del volume maculare nella sclerosi multipla


Uno studio osservazionale ha cercato di determinare se Fingolimod ( Gilenya ), un modulatore del recettore della sfingosina-1-fosfato per via orale approvato per il trattamento della sclerosi multipla, porta generalmente a un aumento del volume del tessuto retinico.

Nello studio sono state confrontate le variazioni del volume maculare sulla tomografia a coerenza ottica a dominio spettrale ( OCT ) tra i pazienti con sclerosi multipla che hanno avviato il trattamento con Fingolimod e una coorte di riferimento abbinata di pazienti con sclerosi multipla non-esposti al farmaco.

La coorte di riferimento primario è stata abbinata in base agli intervalli di tempo tra gli esami OCT.
Una coorte di riferimento secondaria è stata abbinata in base all'età e alla durata della malattia.

Una variazione del volume maculare all'interno di ciascun gruppo è stata analizzata utilizzando il paired t test.

Una variazione del volume maculare tra i gruppi è stata esaminata utilizzando la regressione lineare multipla.

Il volume maculare è aumentato in media di 0.025 mm3 ( P minore di 0.001 ) nei 30 pazienti con sclerosi multipla che hanno iniziato il trattamento con Fingolimod nel corso di un follow-up medio di tempo di 5 mesi.

Il volume maculare non è cambiato significativamente nel corso di un follow-up medio di 6 mesi in un gruppo di controllo di 30 pazienti con sclerosi multipla mai trattati con Fingolimod ( variazione media di -0.003 mm3, P=0.47 ).

Nel complesso, il 74% degli occhi nel gruppo trattato con Fingolimod ha mostrato un aumento del volume maculare versus il 37% degli occhi nel gruppo di confronto.

In conclusione, l’avvio della terapia con Fingolimod nella sclerosi multipla è associato con un modesto e relativamente rapido aumento del volume maculare. ( Xagena2013 )

Nolan R et al, Neurology 2013; 80: 139-144

Neuro2013 Farma2013


Indietro