Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

L'insufficienza venosa cerebrospinale cronica non è un fenomeno secondario ritardato di sclerosi multipla


L'insufficienza venosa cerebrospinale cronica ( CCSVI ) è sembrata rivestire un ruolo patogenetico di primo piano nella sclerosi multipla, ma dati più recenti sugli stadi iniziali della sclerosi multipla non hanno confermato questa teoria.
Tuttavia, l'insufficienza venosa cerebrospinale cronica potrebbe rappresentare un fenomeno tardivo di sclerosi multipla o essere associata a progressione della disabilità.

È stata studiata la prevalenza di insufficienza venosa cerebrospinale cronica nella sclerosi multipla primaria progressiva ( PP ) e secondaria progressiva ( SP ), per chiarire se la CCSVI caratterizzi le forme progressive di questa malattia.

Un totale di 35 pazienti con sclerosi multipla secondaria progressiva ( SPMS ), 25 pazienti con sclerosi multipla primaria progressiva ( PPMS ) e 60 controlli sani abbinati per età e genere sono stati arruolati in uno studio cross-sezionale.

Tutti i pazienti e i controlli sono stati sottoposti a Ecocolor Doppler venoso ad alta risoluzione extracranico e transcranico ( ECDS-TCDS ).
Ai pazienti a cui è stata rilevata una qualsiasi anomalia agli ultrasuoni, è stato chiesto di sottoporsi a venografia selettiva ( VGF ).

I pazienti con PPSM ( 11 donne, 14 uomini, età media 47 anni ) avevano una durata della malattia di 11 anni e un punteggio Expanded Disability Status Scale ( EDSS ) di 6.0.

I pazienti con SPSM ( 22 donne, 13 uomini, età media 45 anni ) avevano una durata della malattia di 18 anni e punteggio EDSS di 6.0.

L’ecodoppler transcranico venoso ad alta risoluzione ( TCDS ) era normale in tutti i pazienti.
L’ecodoppler extrascranico venoso ad alta risoluzione ( ECDS ) ha mostrato uno o più risultati anomali in 9 pazienti su 60 ( 15.0% ) ( 7/35, 20.0% SPMS, 2/25, 8.0% PPSM ) e in 14 controlli su 60 ( 23.3% ) ( p non significativo per tutti i confronti ).

I criteri per l’insufficienza venosa cerebrospinale cronica sono stati soddisfatti in 0 controlli sani e in 4 pazienti con sclerosi multipla ( 6.7% ): 3 SPMS e 1 PPSM.

La venografia selettiva, eseguita in 6 pazienti su 9, è stata anormale solo in 1 paziente affetto da stenosi bilaterale della vena giugulare interna.

In conclusione, questi risultati hanno indicato che l'insufficienza venosa cerebrospinale cronica non è un fenomeno secondario ritardato di sclerosi multipla e non è associata a disabilità. ( Xagena2011 )

Baracchini C et al, Neurology 2011; 77: 844-850


Neuro2011 Diagno2011



Indietro