Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Nessun effetto delle statine sulle risposte cliniche e molecolari all’Interferone beta-1a per via intramuscolare


I risultati di un piccolo studio clinico hanno indicato che le statine possono neutralizzare gli effetti terapeutici dell’Interferone beta ( IFNbeta ) nei pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente.

E’ stata condotta un’analisi post-hoc dei dati dello studio SENTINEL (Safety and Efficacy of Natalizumab in Combination With IFNbeta-1a in Patients With Relapsing-Remitting Multiple Sclerosis ) per valutare gli effetti delle statine sull’efficacia dell’Interferone beta.

SENTINEL è uno studio prospettico di pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente trattati con Natalizumab ( Tysabri ) più 30 microg di IFN beta-1a per via intramuscolare ( Avonex ) o con placebo più 30 microg di IFN beta-1a per via intramuscolare.

Gli esiti clinici e di risonanza magnetica dei pazienti trattati solo con Interferone beta-1a ( gruppo no-statine, n=542 ) sono stati confrontati con quelli dei pazienti trattati con IFN beta-1a e statine alle dosi usate in caso di iperlipidemia ( gruppo statine, n=40 ).

Non sono state osservate differenze significative tra i gruppi di trattamento nei tassi annualizzati di recidiva ( p = 0.937 ), progressione della disabilità ( p = 0.438 ), numero delle lesioni captanti gadolinio ( p = 0.604 ) o numero di lesioni, nuove o ingrandite, iperintense in T2 ( p = 0.802 ) a 2 anni.

Più pazienti nel gruppo statine ha riportato fatigue, dolore alle estremità, dolore muscolare e incremento dei livelli delle transaminasi epatiche rispetto ai pazienti nel gruppo no-statine.

Il trattamento con statine non ha avuto effetto ex vivo o in vitro sull’induzione di geni stimolati dall’Interferone.

In conclusione, il trattamento con statine non sembra influenzare gli effetti clinici dell’Interferone beta-1a nei pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente o sulla risposta molecolare primaria al trattamento con Interferone beta. ( Xagena2009 )

Rudick RA et al, Neurology 2009;72: 1989-1993


Neuro2009 Farma2009


Indietro