Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Perdita assonale in occhi con neurite non-ottica di pazienti con sclerosi multipla collegata a ritardato potenziale evocato visivo


Studi recenti hanno dimostrato notevole assottigliamento dello strato delle fibre nervose retiniche ( RNFL ) negli occhi con neurite non-ottica nella sclerosi multipla.
Tuttavia, la base patologica di questa riduzione non è chiara.

Uno studio ha esaminato il rapporto dello spessore dello strato delle fibre nervose retiniche negli occhi con neurite non-ottica nella sclerosi multipla con ritardo di latenza del potenziale evocato visivo multifocale ( mfVEP ), un marker surrogato di demielinizzazione della via visiva.

Sono stati misurati e analizzati lo spessore dello strato della fibra nervosa retinica, totale e temporale, e la latenza di mfVEP in 45 occhi con neurite non-ottica di 45 pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente, e 25 occhi di controllo abbinati per età e sesso.

Vi è stata una significativa riduzione dello spessore dello strato della fibra nervosa retinica, totale e temporale ( P=0.015 e P=0.006, rispettivamente ), e un significativo ritardo di latenza ( P minore di 0.0001 ) negli occhi con neurite non-ottica.

Entrambi gli spessori dello strato delle fibre nervose retiniche, totale e temporale, erano associati a latenza di mfVEP ( r2=0.43, P minore di 0.0001 ed r2=0.36, P=0.001, rispettivamente ).

Gli occhi con neurite non-ottica e normale latenza ( n=26 ) non hanno mostrato alcuna significativa riduzione dello spessore dello strato delle fibre nervose retiniche, rispetto ai controlli ( P=0.44 e P=0.1 per RNFL totale e temporale, rispettivamente ), mentre gli occhi con ritardo della latenza ( n=19 ) hanno mostrato uno strato delle fibre nervose retiniche significativamente più sottile ( P=0.001 e P=0.0005 ).

Gli occhi con neurite non-ottica e ritardo di latenza hanno anche presentato uno strato di fibre nervose retiniche significativamente più sottile rispetto a quelli con normali latenze ( P=0.013 e P=0.02 ).

Nei pazienti senza precedente neurite ottica in entrambi gli occhi, il ritardo di latenza e il ridotto strato delle fibre nervose retiniche erano bilaterali, quando presenti.

In conclusione, lo studio ha dimostrato una associazione significativa tra perdita dello strato delle fibre nervose retiniche e ritardo di latenza del potenziale evocato visivo multifocale negli occhi con neurite non-ottica nella sclerosi multipla. ( Xagena2013 )

Klistorner A et al, Neurology 2013; 80: 242-245

Neuro2013 Oftlam2013



Indietro