Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Prevalenza, sensibilità e specificità dell’insufficienza venosa cronica cerebrospinale nella sclerosi multipla


L’insufficienza venosa cronica cerebrospinale è stata recentemente descritta in pazienti affetti da sclerosi multipla.
Un soggetto è considerato positivo per la patologia se sono soddisfatti due o più criteri emodinamici venosi.

Uno studio ha cercato di determinare la prevalenza dell’insufficienza venosa cronica cerebrospinale in un'ampia coorte di pazienti con sclerosi multipla, sindrome clinicamente isolata, altre malattie neurologiche e controlli sani, utilizzando specifici criteri di Eco-Color Doppler.

Sono stati effettuati Eco-Color Doppler transcranici ed extracranici in 499 soggetti arruolati per lo studio ( 289 con sclerosi multipla, 163 controlli sani, 26 con altre malattie neurologiche, 21 con sindrome clinicamente isolata ).

I tassi di prevalenza per l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale sono stati calcolati in 3 modi: in primo luogo, utilizzando solo i soggetti per i quali la diagnosi era certa ( i soggetti borderline sono stati esclusi ); in secondo luogo, includendo i soggetti borderline nel gruppo senza insufficienza venosa cronica cerebrospinale ( gruppo no-CCSVI ); infine, prendendo in considerazione i soggetti che presentavano uno qualsiasi dei criteri emodinamici venosi.

I dati di prevalenza dell’insufficienza venosa cronica cerebrospinale con casi borderline inclusi nel gruppo no-CCSVI è stata del 56.1% nel gruppo sclerosi multipla, 42.3% nel gruppo con altre malattie neurologiche, 38.1% nel gruppo con sindrome clinicamente isolata e 22.7% nel gruppo di controllo ( p inferiore a 0.001 ).

I dati di prevalenza dell’insufficienza venosa cronica cerebrospinale sono stati del 62.5% per la sclerosi multipla, 45.8% per le altre malattie neurologiche, 42.1% per la sindrome clinicamente isolata e 25.5% per i controlli sani quando sono stati esclusi i casi borderline, ( p inferiore a 0.001 ).

La prevalenza di uno o più criteri emodinamici positivi è stata più alta con la sclerosi multipla ( 81.3% ), seguita da sindrome clinicamente isolata ( 76.2% ), altre malattie neurologiche ( 65.4% ) e controlli sani ( 55.2% ) ( p inferiore a 0.001 ).

La prevalenza dell’insufficienza venosa cronica cerebrospinale è stata maggiore nei pazienti con sclerosi multipla progressiva rispetto a quelli con patologia non-progressiva ( p=0.004 ).

In conclusione, i risultati ottenuti hanno indicato una maggiore prevalenza di insufficienza venosa cronica cerebrospinale nella sclerosi multipla, ma con modesta sensibilità e/o specificità.
Questi dati non sono a sostegno che l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale abbia un ruolo causale primario nello sviluppo della sclerosi multipla. ( Xagena2011 )

Zivadinov R et al, Neurology 2011; 77: 138-144



Neuro2011 Diagno2011



Indietro