Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Previsione di una diagnosi di sclerosi multipla nei pazienti con sindrome clinicamente isolata utilizzando i criteri MAGNIMS del 2016 e McDonald del 2010


Nel 2016, il network Magnetic Resonance Imaging in Multiple Sclerosis ( MAGNIMS ) ha proposto modifiche ai criteri di risonanza magnetica per definire la disseminazione nello spazio ( DIS ) e nel tempo ( DIT ) per la diagnosi di sclerosi multipla nei pazienti con sindrome clinicamente isolata ( CIS ).

Le modifiche alla definizione di disseminazione nello spazio includevano la rimozione della distinzione tra lesioni sintomatiche e asintomatiche, aumentando il numero di lesioni necessarie per definire il coinvolgimento periventricolare a 3, combinando le lesioni corticali e juxtacorticali e l'inclusione della valutazione del nervo ottico.
Per la disseminazione nel tempo, è stata suggerita la rimozione della distinzione tra lesioni sintomatiche e asintomatiche.

Sono state confrontate le prestazioni dei criteri MAGNIMS 2010 e McDonald 2016 per la diagnosi di sclerosi multipla in una grande coorte multicentrica di pazienti con sindrome clinicamente isolata per fornire prove utili a guidare le revisioni dei criteri diagnostici di sclerosi multipla.

In uno studio retrospettivo sono state incluse le valutazioni di risonanza magnetica cerebrale e del midollo spinale e dei nervi ottici da pazienti con sindrome clinicamente isolata tipica suggestiva di sclerosi multipla, eseguite a meno di 3 mesi dall'esordio clinico in 8 Centri europei per la sclerosi multipla.

I pazienti eleggibili avevano tra 16 e 60 anni e avevano una prima sindrome clinicamente isolata indicativa di demielinizzazione del sistema nervoso centrale e tipica della sclerosi multipla recidivante-remittente, un esame neurologico completo, una scansione MRI ( risonanza magnetica per immagini ) di base del cervello e del midollo spinale ottenuta a meno di 3 mesi dall'esordio clinico e una scansione cerebrale di follow-up ottenuta meno di 12 mesi dall'insorgenza della sindrome clinicamente isolata.

È stata registrata l'occorrenza di una secondo attacco clinico ( sclerosi multipla clinicamente definita ) ai mesi 36 e 60.
Sono state valutate le prestazioni dei criteri di risonanza magnetica per DIS, DIT e DIS più DIT con un'analisi della curva ROC dipendente dal tempo.

Tra il 1995 e il 2017 sono stati esaminati 571 pazienti con sindrome clinicamente isolata, dei quali 368 hanno soddisfatto tutti i criteri di inclusione nello studio
All'ultima valutazione ( mediana 50.0 mesi ), 189 su 368 pazienti ( 51% ) hanno sviluppato sclerosi multipla clinicamente definita.

A 36 mesi, i due criteri disseminazione nello spazio hanno mostrato alta sensibilità ( McDonald 2010 0.91 e MAGNIMS 2016 0.93 ), specificità simile ( 0.33 e 0.32 ), e valori di area sotto la curva simili ( AUC; 0.62 e 0.63 ).

La performance non è stata influenzata dall'inclusione di lesioni sintomatiche ( sensibilità 0.92, specificità 0.31, AUC 0.62 ) o lesioni corticali ( sensibilità 0.92, specificità 0.32, AUC 0.62 ).

La necessità di 3 lesioni periventricolari ha prodotto una sensibilità leggermente inferiore ( 0.85 ), una specificità leggermente più alta ( 0.40 ) e una AUC simile ( 0.63 ).

L'inclusione della valutazione del nervo ottico ha prodotto una sensibilità simile ( 0.92 ), e leggermente più bassa specificità ( 0.26 ) e AUC ( 0.59 ).

I valori di AUC sono stati simili anche per la disseminazione nel tempo ( McDonald 2010 0.61 e MAGNIMS 2016 0.61 ) e disseminazione nello spazio più nel tempo ( 0.62 e 0.64 ).

I criteri MAGNIMS del 2016 hanno mostrato una accuratezza simile ai criteri McDonald del 2010 nel predire lo sviluppo della sclerosi multipla clinicamente definita.
L'inclusione di lesioni sintomatiche dovrebbe semplificare l'uso clinico dei criteri di risonanza magnetica senza ridurre l'accuratezza, e i risultati suggeriscono che la necessità di tre lesioni per definire il coinvolgimento periventricolare potrebbe aumentare leggermente la specificità, suggerendo che questi due fattori potrebbero essere considerati durante ulteriori revisioni dei criteri di diagnosi di sclerosi multipla. ( Xagena2018 )

Filippi M et al, Lancet Neurol 2018; 17: 133-142

Neuro2018



Indietro