Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Safinamide e Flecainide proteggono gli assoni e riducono l'attivazione della microglia in modelli di sclerosi multipla


La degenerazione assonale è una delle principali cause di disabilità permanente nella sclerosi multipla, una malattia infiammatoria demielinizzante, ma non esistono terapie note per essere efficaci nella protezione assonale.
Gli agenti bloccanti dei canali del sodio sono in grado di fornire una protezione efficace degli assoni nella sostanza bianca in modelli sperimentali di sclerosi multipla, ma il meccanismo di azione ( direttamente sugli assoni o indirettamente attraverso la modulazione immunitaria ) rimane incerto.

È stata esaminata l'efficacia di due agenti bloccanti dei canali del sodio per proteggere gli assoni della materia bianca in due forme di encefalomielite autoimmune sperimentale, un modello comune di sclerosi multipla.

Safinamide è attualmente in fase III di sviluppo per l’impiego nella malattia di Parkinson sulla base della sua inibizione della monoamino-ossidasi B ( MAO-B ), ma il farmaco è anche un potente inibitore stato-dipendente dei canali del sodio.

Safinamide ha fornito una protezione significativa contro il deficit neurologico e la degenerazione assonale nella encefalomielite autoimmune sperimentale, anche quando la somministrazione è stata ritardata fino a dopo l'insorgenza di deficit neurologico.
La protezione degli assoni è stata associata a una riduzione significativa della attivazione della microglia / macrofagi all'interno del sistema nervoso centrale.

Per chiarire quale proprietà di Safinamide è stata probabilmente coinvolta nella soppressione delle cellule immunitarie innate, l'azione di Safinamide sulla microglia / macrofagi è stata confrontata con quella del classico bloccante il canale del sodio, Flecainide, che non ha alcuna attività riconosciuta sulla monoamino ossidasi B, e che ha già dimostrato di proteggere la materia bianca nella encefalomielite autoimmune sperimentale.

La Flecainide è risultata potente anche nella soppressione della attivazione della microglia nella encefalomielite autoimmune sperimentale.

Per distinguere se la soppressione della microglia fosse una conseguenza indiretta della riduzione del danno assonale, o eventualmente strumentale nella protezione assonale, l'azione della Safinamide è stata esaminata in esperimenti separati in vitro.

In cellule colturali microgliali di ratto, primarie, attivate da lipopolisaccaridi, Safinamide ha potentemente soppresso la produzione di superossido della microglia e ha valorizzato la produzione del glutatione antiossidante.

E’ emerso che la Safinamide è efficace nel proteggere gli assoni dalla degenerazione nella encefalomielite autoimmune sperimentale, e che questo effetto probabilmente coinvolge un effetto diretto sulla microglia che può causare un fenotipo meno attivato.
Questo studio ha evidenziato il potenziale di Safinamide come agente neuroprotettivo efficace nella sclerosi multipla e coinvolge la microglia nel meccanismo di protezione. ( Xagena2013 )

Morsali D et al, Brain 2013; 136: 4: 1067-1082

Neuro2013 Farma2013


Indietro