Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sclerosi multipla recidivante-remittente: un solo ciclo di Rituximab è in grado di ridurre le lesioni infiammatorie cerebrali e le recidive cliniche per 48 settimane


C’è una crescente evidenza riguardo al coinvolgimento dei linfociti B nella patogenesi della sclerosi multipla; i linfociti B potrebbero pertanto rappresentare potenziali target terapeutici.
Il Rituximab ( Rituxan, MabThera ) è un anticorpo monoclonale che agisce selettivamente e provoca deplezione dei linfociti B CD20+.

In uno studio di fase II, in doppio cieco, della durata di 48 settimane, sono stati coinvolti 104 pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente.

Un totale di 69 pazienti sono stati trattati con 1000 mg di Rituximab per via endovenosa e 35 pazienti sono stati trattati con placebo, al 1° e al 15° giorno.

L’endpoint primario era la conta totale delle lesioni captanti il gadolinio rilevate mediante risonanza magnetica per immagini del cervello, alle settimane 12, 16, 20 e 24.
Gli outcome clinici includevano la sicurezza, la proporzione di pazienti recidivanti ed il tasso annualizzato di recidiva.

Rispetto ai pazienti che ricevevano il placebo, i pazienti trattati con Rituximab avevano ridotto il numero di lesioni captanti il gadolinio alle settimane 12, 16 , 20 e 24 ( P
Più pazienti del gruppo Rituximab rispetto a quelli del gruppo placebo, hanno presentato eventi avversi entro 24 ore dopo la prima infusione, la maggior parte dei quali erano eventi lievi o moderati. Dopo la seconda infusione il numero di eventi avversi sono risultati simili nei 2 gruppi.

In conclusione, un singolo ciclo di Rituximab è stato in grado di ridurre le lesioni infiammatorie cerebrali, e le recidive cliniche per 48 settimane.
Questo studio non era stato disegnato per valutare la sicurezza a lungo termine o per determinare gli eventi avversi.
I dati hanno fornito l’evidenza di un coinvolgimento delle cellule B nella fisiopatologia della sclerosi multipla recidivante-remittente. ( Xagena2008 )

Hauser SL et al, N Engl J Med 2008; 358: 676-688


Neuro2008 Farma2008


Indietro