Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sindrome clinicamente isolata: il Glatiramer ritarda la conversione a sclerosi multipla clinicamente definita


Il Glatiramer ( Copaxone ), approvato per il trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente, riduce le recidive e l’attività e il carico di malattia come risulta dalla risonanza magnetica per immagini ( MRI ).

Uno studio, coordinato da Ricercatori del San Raffaele di Milano ( Italia ) hanno valutato l’efficacia del trattamento precoce con Glatiramer nel ritardare lo sviluppo di sclerosi multipla clinicamente definita.

In uno studio randomizzato e in doppio cieco condotto in 80 Centri in 16 Paesi, 481 pazienti con sindrome clinicamente isolata con manifestazione unifocale e 2 o più lesioni cerebrali pesate in T2, uguali o superiori a 6 mm, sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere Glatiramer per via sottocutanea ( 20 mg al giorno; n= 243 ) oppure placebo ( n=238 ) per un periodo di 36 mesi, e fino a conversione in sclerosi multipla clinicamente definita.

L’endpoint primario era rappresentato dal tempo alla conversione a sclerosi multipla clinicamente definita, sulla base di un secondo episodio clinico.

L’analisi è stata intention-to-treat.

Glatiramer ha ridotto il rischio di sviluppare sclerosi multipla clinicamente definita del 45% rispetto al placebo ( hazard ratio, HR=0.55; p=0.0005 ).

Il tempo per la conversione del 25% dei pazienti a malattia clinicamente definita è risultato prolungato del 115%, da 336 giorni per il gruppo placebo a 722 giorni per il gruppo Glatiramer.

I più comuni eventi avversi nel gruppo Glatiramer sono stati: reazioni al sito di iniezione ( 56% Glatiramer vs 24% placebo ) e reazioni subito dopo l’iniezione ( 19% vs 5% ).

In conclusione, il trattamento precoce con Glatiramer è efficace nel ritardare la conversione a sclerosi multipla clinicamente definita nei pazienti che si presentano con sindrome clinicamente isolata e lesioni cerebrali evidenziate all’MRI. ( Xagena2009 )

Comi G et al, Lancet 2009; 374:1503-1511


Neuro2009 Farma2009


Indietro