Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Teriflunomide orale per i pazienti con un primo episodio clinico di sclerosi multipla


Teriflunomide ( Aubagio ) è un immunomodulatore orale da assumere una volta al giorno approvato per il trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Teriflunomide in pazienti con un primo episodio clinico indicativo di sclerosi multipla.

In questo studio randomizzato, in doppio cieco, a gruppi paralleli, controllato con placebo, sono stati arruolati pazienti di età tra 18 e 55 anni con sindrome clinicamente isolata ( definita come un evento neurologico coerente con demielinizzazione, con inizio entro 90 giorni dalla randomizzazione, e due o più lesioni alla MRI pesata T2 di diametro maggiore o uguale a 3 mm ) da 112 Centri in 20 Paesi.

I partecipanti sono stati randomizzati a ricevere una volta al giorno per via orale Teriflunomide 14 mg, Teriflunomide 7 mg, oppure placebo, per un massimo di 108 settimane.

L'endpoint primario era il tempo alla recidiva ( una nuova anomalia neurologica separata da 30 giorni o più da un evento clinico precedente, presente per 24 ore o più in assenza di febbre o infezioni note ), che ha definito la conversione a sclerosi multipla clinicamente definita.
L'endpoint secondario era il tempo alla recidiva o nuove lesioni captanti Gadolinio o lesioni in T2 alla risonanza magnetica, a seconda di quale si fosse verificato prima.

Tra il 2008 e il 2012, 618 pazienti sono stati arruolati e randomizzati a Teriflunomide 14 mg ( n=216 ), Teriflunomide 7 mg ( n=205 ), oppure placebo ( n=197 ).
Due pazienti in ciascuno dei gruppi Teriflunomide non hanno ricevuto il farmaco in studio, quindi la popolazione modificata intention-to-treat ha compreso 214 pazienti nel gruppo Teriflunomide 14 mg, 203 nel gruppo Teriflunomide 7 mg e 197 nel gruppo placebo.

Rispetto al placebo, Teriflunomide ha ridotto significativamente il rischio di recidiva per sclerosi multipla clinicamente definita alla dose di 14 mg ( hazard ratio, HR=0.574; P=0.0087 ) e alla dose di 7 mg ( HR=0.628; P=0.0271 ).

Teriflunomide ha ridotto il rischio di recidiva o di una nuova lesione alla MRI rispetto al placebo alla dose di 14 mg ( HR=0.651; P=0.0003 ) e alla dose di 7 mg ( HR=0.686; P=0.0020 ).

Durante lo studio, 6 pazienti che sono stati assegnati in modo casuale al placebo hanno accidentalmente ricevuto anche Teriflunomide a un certo punto: 4 hanno ricevuto 7 mg e 2 hanno ricevuto 14 mg.
Pertanto, la popolazione di sicurezza ha compreso 216 pazienti con Teriflunomide 14 mg, 207 con Teriflunomide 7 mg e 191 con placebo.

Gli eventi avversi che si sono verificati in almeno il 10% dei pazienti in entrambi i gruppi con Teriflunomide e con una incidenza almeno per il 2% superiore a quella con il placebo sono stati aumento della alanina aminotransferasi ( 40 pazienti su 216, 19%, nel gruppo 14 mg, 36 su 207, 17%, nel gruppo 7 mg vs 27 su 191, 14%, nel gruppo placebo ), diradamento dei capelli ( 25, 12%, e 12, 6%, vs 15, 8% ), diarrea ( 23, 11%, e 28, 14%, vs 12, 6% ), parestesia ( 22, 10%, e 11, 5%, vs 10, 5% ) e infezione del tratto respiratorio superiore ( 20, 9%, e 23, 11%, vs 14, 7% ).
L'evento avverso grave più comune è stato un aumento della alanina aminotransferasi ( 4, 2%, e 5, 2%, vs 3, 2% ).

Lo studio TOPIC è a quanto risulta il primo studio a segnalare i benefici di una terapia orale modificante la malattia disponibile per i pazienti con sclerosi multipla precoce.
Questi risultati estendono le fasi della sclerosi multipla in cui Teriflunomide mostra un effetto benefico. ( Xagena2014 )

Miller AE et al, Lancet 2014;13:977-986

Neuro2014 Farma2014


Indietro