Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

E' ben noto che i pazienti con sclerosi multipla tendono ad avere una deposizione anomala di ferro dentro e intorno le placche sclerotiche, nei gangli basali e nel talamo. Uno studio ha utilizzato tec ...


È stato compiuto uno studio prospettico di coorte per determinare se bassi livelli di 25-Idrossivitamina D o 25(OH)D fossero associati a un aumento del rischio di recidive di sclerosi multipla ...


L'insufficienza venosa cerebrospinale cronica ( CCSVI ) è sembrata rivestire un ruolo patogenetico di primo piano nella sclerosi multipla, ma dati più recenti sugli stadi iniziali della ...


E' stata determinata la frequenza e le conseguenze degli anticorpi neutralizzanti ( NAb ) nei pazienti con un primo evento indicativo di sclerosi multipla trattati con Interferone beta-1b ( IFN beta-1 ...


Molti studi hanno mostrato che gli eventi stressanti della vita sono associati a un successivo incremento significativo nel rischio di esacerbazioni di sclerosi multipla.È stato condotto uno st ...


È stato effettuato uno studio per definire la velocità, i tempi, e i fattori di rischio clinici per lo sviluppo di malattie autoimmuni dopo trattamento con Alemtuzumab ( Lemtrada ) per la sclerosi mul ...


L'osteoporosi è comune nei pazienti con sclerosi multipla con malattia di lunga data. L'ipovitaminosi D è un fattore di rischio possibile per la sclerosi multipla; inoltre la vitamina D media la miner ...


È stato recentemente dimostrato che l’immunomodulatore orale Fingolimod ( FTY720; Gilenya ) è molto efficace nella sclerosi multipla recidivante-remittente.Fingolimod è un antagonista funzionale del r ...


A causa di un elevato rischio di leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML ) con l'aumento dell'esposizione a Natalizumab ( Tysabri ), alcuni medici interrompono il trattamento nei pazienti aff ...


Uno studio ha descritto la diagnosi e la gestione di una donna di 49 anni con sclerosi multipla che ha sviluppato un’emiparesi progressiva e con l’espansione visibile alla risonanza magnetica di una s ...


È stato compiuto uno studio per determinare rilevanti alleli HLA-DRB1 associati alla suscettibilità dello sviluppo di anticorpi anti-Interferone beta in una coorte di pazienti di grandi dimensioni.In ...


Uno studio ha valutato la prevalenza dell’insufficienza venosa cronica cerebrospinale in una coorte non-selezionata di pazienti con sclerosi multipla.Un totale di 586 pazienti con sclerosi multipla cl ...


E' stata segnalata ipereosinofilia asintomatica come effetto collaterale potenziale in pazienti trattati con Natalizumab ( Tysabri ), un farmaco bloccante l'integrina alfa-4.Sono stati presentati i ca ...


Sono state valutate le conseguenze cliniche di una sospensione temporanea della somministrazione di Natalizumab ( Tysabri ) attraverso uno studio prospettico di coorte.Sono stati arruolati per lo stud ...


Il ruolo della compromissione venosa intra-cranica ed extra-cranica nella patogenesi di diversi disturbi neurologici vascolari, infiammatori e neurodegenerativi, come l'invecchiamento, non è stato stu ...