Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Anticorpi anti-virus JC in una grande coorte con sclerosi multipla trattata con Natalizumab


È stato studiato il tasso di sieropositività degli anticorpi anti-virus JC ( JCV ) in una coorte tedesca con sclerosi multipla trattata con Natalizumab ( Tysabri ) nel post-marketing ed è stato valutato lo stato sierologico anti-JCV in campioni ottenuti prima della diagnosi di leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML ).

Uno studio retrospettivo trasversale e longitudinale per gli anticorpi anti-JCV ha utilizzato un test ELISA su 2.782 campioni di sangue ottenuti da 2.253 pazienti per i test di routine per gli anticorpi anti-Natalizumab durante il trattamento in aperto tra il 2007 e il 2010.

Tra i pazienti con sclerosi multipla trattati con Natalizumab, il 58.8% è risultato positivo agli anticorpi anti-JCV.
Il tasso di sieropositività è risultato più alto nei maschi ed è aumentato con l'età, con un plateau tra gli intervalli di età 20-29 e 30-39 anni.

All’analisi longitudinale, 19 pazienti su 194 ( 9.8% ) sono passati dallo status di di sieronegatività per l’anticorpo anti-JCV allo status di sieropositività nell’arco di 7.7 mesi; il 4.7% è ritornato dallo status anticorpo positivo allo stato sieronegativo nell’arco di 7.9 mesi.
I livelli di anticorpi, soprattutto in quest'ultimo gruppo, erano bassi, indicando fluttuazioni attorno al cut-point più basso del dosaggio.

Né lo stato sierologico anti-JCV né i livelli di anticorpi sono stati associati con il pre-trattamento immunosoppressivo, la durata del trattamento con Natalizumab, o gli anticorpi anti-Natalizumab.

Tutti i campioni ottenuti da 10 pazienti che hanno sviluppato leucoencefalopatia multifocale progressiva erano sieropositivi ( 13 campioni prima della diagnosi di leucoencefalopatia multifocale progressiva, 2.0-37.6 mesi; 2 campioni al momento della diagnosi ).
I livelli di anticorpi in questi campioni erano superiori a quelli in campioni di pazienti sieropositivi che non hanno sviluppato leucoencefalopatia multifocale progressiva.

In conclusione, questi dati sostengono la potenziale utilità clinica della sierologia applicata al virus JC per la stratificazione del rischio di leucoencefalopatia multifocale progressiva.
Tuttavia, sono necessarie ulteriori indagini sulle fluttuazioni dello stato sierologico e dei livelli di anticorpi per una comprensione più precisa del valore predittivo. ( Xagena2012 )

Trampe AK et al, Neurology 2012; 78: 1736-1742

Neuro2012 Inf2012 Farma2012


Indietro