Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Associazione tra immunoterapia sostenuta ed esiti di disabilità nei pazienti con sclerosi multipla secondariamente progressiva in forma attiva


Non è chiaro se le recidive e le terapie modificanti la malattia siano associate al tasso di accumulo di disabilità nei pazienti con sclerosi multipla secondariamente progressiva ( SPMS ).

È stata esaminata l'associazione delle recidive con il tasso di accumulo di disabilità nei pazienti con sclerosi multipla SPMS, e si è valutato se il trattamento prima o durante la fase secondariamente progressiva possa rallentare la progressione dell'accumulo di disabilità.

In uno studio di coorte osservazionale, i dati dei pazienti sono stati raccolti prospetticamente dal registro internazionale MSBase tra il 1995 e il 2018.
Tra i 53.680 pazienti nel registro MSBase, sono stati identificati 4.997 pazienti con SPMS, utilizzando la definizione di Lorscheider. Di questi, 1.621 erano eleggibili per l'inclusione nello studio sulla base di un follow-up sufficiente prima e dopo l'inizio della SPMS.

È stata valutata l'associazione tra accumulo di disabilità e diverse variabili cliniche e demografiche, comprese le recidive e l'esposizione all'immunoterapia.

Sono stati analizzati due esiti come misure dell'accumulo di disabilità durante la sclerosi multipla SPMS: il tasso di accumulo di disabilità durante la fase secondaria progressiva ( variazione rispetto alla popolazione di riferimento dei pazienti con sclerosi multipla e variazione assoluta ) e il rischio di diventare dipendenti dalla sedia a rotelle.
Un terzo esito, il rischio cumulativo di avere eventi di progressione della disabilità confermati, è stato utilizzato per un'analisi secondaria.

Su 1.621 pazienti eleggibili per l'inclusione, 1.103 ( 68.0% ) erano donne, con un'età media all'insorgenza della sclerosi multipla di 33.9 anni.

In totale 661 pazienti ( 40.8% ) hanno manifestato recidive sovrapposte durante la la sclerosi multipla SPMS.

L'assunzione della terapia e le recidive durante la sclerosi multipla recidivante-remittente precoce non sono state associate all'accumulo di disabilità durante la fase secondaria progressiva.

Tassi di recidiva più elevati durante la fase secondaria progressiva della malattia sono stati associati a un aumentato rischio di diventare dipendenti dalla sedia a rotelle ( hazard ratio, HR=1.87; P=0.009 ).

Tra i pazienti che hanno manifestato recidive sovrapposte durante la sclerosi multipla SPMS, una maggiore ricezione di terapie modificanti la malattia è stata significativamente associata a un ridotto tasso di progressione della disabilità e a un minore rischio di diventare dipendenti dalla sedia a rotelle.

In questo studio, il tasso di progressione della disabilità dopo l'inizio della sclerosi multipla SPMS non è stato associato al decorso precoce della malattia e alle decisioni terapeutiche.
Le recidive durante la sclerosi multipla SPMS sono state associate a una progressione accelerata della disabilità e rappresentano un obiettivo di trattamento accessibile.
La terapia modificante la malattia è stata associata a miglioramenti negli esiti della disabilità tra i pazienti con recidive attive durante la sclerosi multipla secondariamente progressiva.
I risultati dello studio hanno indicato che l'attività della malattia infiammatoria rimane una componente sostanziale ma modificabile della sclerosi multipla secondariamente progressiva. ( Xagena2020 )

Lizak N et al, JAMA Neurol 2020; 77: 1398-1407

Neuro2020



Indietro