Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Caratteristiche cliniche ed esiti nei pazienti con malattia da Coronavirus 2019 e sclerosi multipla


I fattori di rischio associati alla gravità della malattia da Coronavirus 2019 ( COVID-19 ) nei pazienti con sclerosi multipla non sono noti.
Le terapie modificanti la malattia ( DMT ) possono modificare il rischio di sviluppare una grave infezione da SARS-CoV-2, oltre ai fattori di rischio identificati come età e comorbilità.

Sono state descritte le caratteristiche cliniche e gli esiti nei pazienti con sclerosi multipla e COVID-19 e sono stati identificati i fattori associati alla gravità di COVID-19 nel Registro Covisep, uno studio di coorte multicentrico, retrospettivo e osservazionale.
Lo studio ha incluso pazienti con sclerosi multipla che presentavano una diagnosi confermata o altamente sospetta di COVID-19 tra il 1° marzo 2020 e il 21 maggio 2020.

I pazienti erano stati esposti a COVID-19 diagnosticata mediante PCR ( reazione a catena della polimerasi ) su tampone nasofaringeo, tomografia computerizzata toracica o sintomi tipici.

L'esito principale era la gravità di COVID-19 valutata su una scala ordinale a 7 punti ( da 1, non-ricoverato senza limitazioni di attività, a 7, morte ) con cutoff a 3 ( ricoverato in ospedale e senza necessità di Ossigeno ).

Sono stati raccolti dati demografici, storia neurologica, punteggio alla scala EDSS ( Expanded Disability Severity Scale ) compreso tra 0 e 10, con cutoff a 3 e 6, co-morbilità, caratteristiche di COVID-19 ed esiti.
Sono stati utilizzati modelli di regressione logistica univariata e multivariata per stimare l'associazione delle variabili raccolte con gli esiti di COVID-19.

Sono stati analizzati in totale 347 pazienti ( età media 44.6 anni, 249 donne; durata media della malattia, 13.5 anni ).
73 pazienti ( 21.0% ) avevano un punteggio di gravità di COVID-19 di 3 o più e 12 pazienti ( 3.5% ) sono morti di COVID-19.
Il punteggio EDSS mediano è stato pari a 2.0, e 284 pazienti ( 81.8% ) avevano ricevuto terapia modificante la malattia.

C'è stata una percentuale più alta di pazienti con un punteggio di gravità di COVID-19 di 3 o più tra i pazienti senza terapia modificante la malattia, rispetto ai pazienti che ricevevano terapia DMT ( 46.0% vs 15.5%; P minore di 0.001 ).

I modelli di regressione logistica multivariata hanno determinato che età ( odds ratio per 10 anni, OR=1.9 ), EDSS ( odds ratio per EDSS maggiore o uguale a 6, OR=6.3 ) e obesità ( OR=3.0 ) erano fattori di rischio indipendenti per un punteggio di gravità di COVID-19 di 3 o superiore ( indicante ospedalizzazione o maggiore gravità ).
La scala EDSS è risultata associata alla più alta variabilità dell'esito della forma grave di COVID-19 ( R2, 0.2 ), seguito dall'età ( R2, 0.06 ) e dall'obesità ( R2, 0.01 ).

In questo studio di coorte basato sul Registro di pazienti con sclerosi multipla, età, scala EDSS e obesità erano fattori di rischio indipendenti per forma grave di COVID-19.
Non è stata riscontrata alcuna associazione tra l'esposizione a terapia modificante la malattia e la gravità di COVID-19.
L'identificazione di questi fattori di rischio dovrebbe fornire le basi per una strategia individuale riguardante la gestione clinica dei pazienti con sclerosi multipla durante la pandemia di COVID-19. ( Xagena2020 )

Louapre C et al, JAMA Neurol 2020; 77: 1079-1088

Neuro2020 Inf2020



Indietro