Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Clemastina fumarato come terapia rimielinizzante per la sclerosi multipla


La sclerosi multipla è una malattia infiammatoria degenerativa del sistema nervoso centrale ( SNC ), caratterizzata da distruzione immuno-mediata della mielina e perdita progressiva neuroassonale.

La mielina nel sistema nervoso centrale è una estensione specializzata della membrana plasmatica degli oligodendrociti e Clemastina fumarato può stimolare la differenziazione delle cellule precursori degli oligodendrociti in vitro, nei modelli animali e nelle cellule umane.

Sono state analizzate l'efficacia e la sicurezza di Clemastina fumarato come trattamento per i pazienti con sclerosi multipla.

Lo studio ReBUILD crossover, effettuato in un singolo Centro, in 150 giorni, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo è stato condotto in pazienti con sclerosi multipla recidivante con neuropatia ottica demielinizzante cronica in terapia immunomodulante stabile.

Erano eleggibili i pazienti che soddisfacevano i criteri per la diagnosi con una durata della malattia inferiore a 15 anni.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Clemastina fumarato ( 5.36 mg per via orale due volte al giorno ) per 90 giorni seguita da placebo per 60 giorni ( gruppo 1 ) o placebo per 90 giorni seguito da Clemastina fumarato ( 5.66 mg per via orale due volte al giorno ) per 60 giorni ( gruppo 2 ).

L'esito primario era l'accorciamento del ritardo di latenza P100 sui potenziali evocati visivi a pieno campo, con inversione del pattern.

Tra il 2014 e il 2015, sono stati assegnati a caso 50 pazienti al gruppo 1 ( n=25 ) o al gruppo 2 ( n=25 ).
Tutti i pazienti hanno completato lo studio.

L'endpoint primario di efficacia è stato raggiunto con il trattamento con Clemastina fumarato, che ha ridotto il ritardo di latenza di 1/7 ms per occhio ( P=0.0048 ) quando si è analizzato lo studio come crossover.

Il trattamento con Clemastina fumarato è stato associato ad affaticamento, ma non sono stati segnalati eventi avversi gravi.

Lo studio ha documentato l'efficacia di un farmaco rimielinizzante per il trattamento del danno demielinizzante cronico nella sclerosi multipla.
I risultati hanno indicato che la riparazione della mielina può essere raggiunta anche dopo un danno prolungato. ( Xagena2017 )

Green AJ et al, Lancet 2017; 390: 2481-2489

Neuro2017 Farma2017


Indietro