Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Differenze nelle risposte alla terapia di aferesi dei pazienti con tre pattern immunopatologici di sclerosi multipla classificati mediante esame istopatologico


La plasmaferesi e l'immunoadsorbimento sono terapie di aferesi di seconda linea per i pazienti che presentano recidive di sclerosi multipla. Le lesioni precoci di sclerosi multipla attive possono essere classificate in diversi modelli istopatologici di demielinizzazione.

Le lesioni di pattern 1 e 2 mostrano demielinizzazione associata a cellule T e macrofagi e il pattern 2 è associato selettivamente a immunoglobuline e depositi di complemento, suggerendo una risposta immunitaria umorale.
Le lesioni di pattern 3 mostrano segni di degenerazione degli oligodendrociti.
E' pertanto possibile che l'eterogeneità patogenetica possa predire la risposta alla terapia.

È stata valutata la risposta all’aferesi in relazione ai modelli immunopatologici di sclerosi multipla istopatologicamente definiti in uno studio di coorte monocentrico che ha reclutato 69 pazienti a livello nazionale tra il 2005 e il 2016.
Tutti i pazienti inclusi avevano una diagnosi di demielinizzazione infiammatoria precoce attiva compatibile con la sclerosi multipla; sono stati classificati nei modelli 1, 2 o 3 sulla base dell'analisi della biopsia cerebrale e sono stati sottoposti a trattamenti di aferesi.
Sono stati esclusi i pazienti che presentavano una concomitante malattia grave, neuromielite ottica o encefalomielite acuta disseminata.

L'esito della terapia primaria era un miglioramento funzionalmente rilevante del deficit neurologico correlato alla recidiva.
I cambiamenti radiologici e alla scala EDSS ( Expanded Disability Status Scale ) erano parametri di esito secondari.

L'età media dei pazienti era di 36.6 anni; 46 dei 69 partecipanti ( 67% ) erano donne.
Complessivamente, 16 pazienti ( 23% ) presentavano lesioni di tipo 1, 40 ( 58%) avevano lesioni di tipo 2, e 13 ( 19% ) avevano lesioni di tipo 3.

Una risposta alla terapia funzionale è stata osservata in 5 dei 16 pazienti con malattia di tipo 1 ( 31% ) e in 22 dei 40 pazienti con malattia di tipo 2 ( 55% ), ma nessuno dei 13 pazienti con malattia di tipo 3 ha mostrato miglioramento ( pattern 2 versus 3; P minore di 0.001 ).

Miglioramenti radiologici sono stati riscontrati in 4 ( 25% ), 22 ( 56% ) e 1 ( 11% ) pazienti con pattern 1, 2 e 3, rispettivamente.

I rispettivi tassi di risposta misurati dai cambiamenti nei punteggi della scala EDSS sono stati 25%, 40% e 0%.

Il coinvolgimento del tronco cerebrale è stato un fattore predittivo negativo per la risposta alla terapia funzionale ( rapporto logaritmico di probabilità logOR, -1.43; P=0.03 ), mentre l'immunoassorbimento ( rispetto allo scambio plasmatico ) potrebbe essere stato un fattore predittivo positivo ( logOR, 3.26, P=0.01 ).

In conclusione, questo studio di coorte ha fornito la prova che la risposta al trattamento di aferesi è associata a modelli immunopatologici.
I pazienti con i pattern 1 e 2 sono migliorati clinicamente dopo il trattamento con aferesi, ma i pazienti con pattern 2 che hanno mostrato segni di risposta immunitaria umorale hanno tratto maggior beneficio.
Sembra improbabile che l'aferesi sia di beneficio ai pazienti con lesioni di tipo 3. ( Xagena2018 )

Stork L et al, JAMA Neurol 2018; 75: 428-435

Neuro2018



Indietro