Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetto del Dronabinolo sulla progressione nella sclerosi multipla progressiva


Prove di laboratorio hanno dimostrato che i cannabinoidi potrebbero avere un’azione neuroprotettiva.

Uno studio ha valutato se la somministrazione orale di Dronabinolo [ delta(9)-tetraidrocannabinolo ] possa rallentare il decorso della sclerosi multipla progressiva.

Nello studio multicentrico, in parallelo, randomizzato, in doppio cieco e placebo-controllato, sono stati reclutati pazienti di età compresa tra 18 e 65 anni con sclerosi multipla progressiva primaria o secondaria da 27 Dipartimenti di neurologia o riabilitazione nel Regno Unito.

I pazienti sono stati assegnati in maniera casuale e in un rapporto 2:1 a ricevere Dronabinolo o placebo per 36 mesi; la randomizzazione è stata bilanciata in base al punteggio nella scala EDSS ( Expanded Disability Status Scale ), al Centro e al tipo di malattia.

La dose massima è stata di 28 mg al giorno, titolata per peso corporeo ed effetti avversi.

L’esito primario era la progressione nel punteggio EDSS ( valutatore in cieco, tempo alla progressione uguale o superiore a 1 punto da un punteggio basale di 4.0-5.0 o uguale o superiore a 0.5 punti da un punteggio basale uguale o superiore a 5.5, confermato dopo 6 mesi ) e il cambiamento dal basale nella sottoscala dell’impatto fisico della scala di impatto della sclerosi multipla a 29-item ( MSIS-29-PHYS ).

Tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno una dose del farmaco dello studio sono stati inclusi nell’analisi per intention-to-treat.

Dei 498 pazienti assegnati in maniera casuale a un gruppo di trattamento, 329 hanno ricevuto almeno una dose di Dronabinolo e 164 almeno una dose di placebo ( 5 non hanno ricevuto il trattamento di assegnazione ).

In totale, 145 pazienti nel gruppo Dronabinolo hanno mostrato progressione nel punteggio EDSS ( 0.24 eventi di prima progressione per paziente-anno; tasso grezzo ) rispetto a 73 nel gruppo placebo ( 0.23 eventi di prima progressione per paziente-anno; tasso grezzo ); l’hazard ratio [ HR ] per l’analisi primaria prespecificata è stato pari a 0.92 ( p=0.57 ).

Il cambiamento annuale medio nel punteggio MSIS-29-PHYS è stato di 0.62 punti nel gruppo Dronabinolo versus 1.03 punti nel gruppo placebo.

L’analisi primaria con un modello a livelli multipli ha fornito una stima della differenza tra i gruppi ( Dronabinolo-placebo ) di -0.9 punti.

Non sono emersi dubbi importanti sulla sicurezza; 114 [ 35% ] pazienti nel gruppo Dronabinolo hanno manifestato almeno 1 evento avverso grave rispetto a 46 [ 28% ] nel gruppo placebo.

In conclusione, questi risultati hanno dimostrato che il Dronabinolo non ha un effetto generale sulla progressione della sclerosi multipla in fase progressiva.
Queste osservazioni hanno implicazioni per il disegno degli studi futuri sulla sclerosi multipla progressiva, poiché i tassi di progressione inferiore rispetto all’atteso potrebbero aver influenzato la nostra capacità di identificare i cambiamenti clinici. ( Xagena2013 )

Zajicek J et al, Lancet Neurol 2013; 12: 857-865

Neuro2013 Farma2013


Indietro