Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Effetto di Natalizumab sulla progressione della malattia nella sclerosi multipla progressiva secondaria: studio ASCEND


Sebbene siano disponibili diversi trattamenti modificanti la malattia per la sclerosi multipla recidivante, gli effetti del trattamento sono stati più modesti nella sclerosi multipla progressiva e sono stati osservati in particolare nei sottogruppi recidivanti o in quelli con attività lesionale all'imaging.

Uno studio ha valutato se Natalizumab ( Tysabri ) è in grado di rallentare la progressione della malattia nella sclerosi multipla secondaria progressiva, indipendentemente dalle recidive.

ASCEND era uno studio di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo ( parte 1 ) con una estensione facoltativa in aperto di 2 anni ( parte 2 ).
I pazienti arruolati di età compresa tra 18 e 58 anni erano naive-a-Natalizumab e presentavano sclerosi multipla secondaria progressiva da 2 anni o più, progressione della disabilità non-correlata alle recidive nell'anno precedente e punteggi EDSS ( Expanded Disability Status Scale ) di 3.0-6.5.

Nella parte 1, i pazienti da 163 Centri in 17 Paesi sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 300 mg di Natalizumab per via endovenosa o placebo ogni 4 settimane per 2 anni.
I pazienti sono stati stratificati per Centro e per punteggio EDSS ( 3.0-5.5 vs 6.0-6.5 ).
I pazienti che avevano completato la parte 1 potevano iscriversi alla parte 2, in cui tutti i pazienti hanno ricevuto Natalizumab ogni 4 settimane fino alla fine dello studio.

L'esito primario nella parte 1 era la proporzione di pazienti con progressione della disabilità sostenuta, valutata mediante una o più delle tre misure: EDSS, T25FW ( Timed 25-Foot Walk ) e 9HPT ( 9-Hole Peg Test ).
L'esito primario nella parte 2 era l'incidenza di eventi avversi ed eventi avversi gravi.

Tra il 2011 e il 2015, 889 pazienti sono stati assegnati in modo casuale ( n=440 al gruppo Natalizumab, n=449 al gruppo placebo ).

Nella parte 1, 195 ( 44% ) su 439 pazienti trattati con Natalizumab e 214 ( 48% ) su 448 pazienti trattati con placebo hanno avuto conferma della progressione della disabilità ( odds ratio, OR=0.86; P=0.287 ).

Nessun effetto del trattamento è stato osservato sulle componenti EDSS ( OR=1.06, P nominale=753 ) o T25FW ( OR=0.98, P nominale=0.914 ) dell'esito primario.
Tuttavia, il trattamento con Natalizumab ha ridotto la progressione di 9HPT ( OR=0.56, P nominale=0.001 ).

Nella parte 1, 100 pazienti ( 22% ) trattati con placebo e 90 ( 20% ) trattati con Natalizumab hanno avuto eventi avversi gravi.
Nella parte 2, 291 pazienti trattati continuativamente con Natalizumab e 274 pazienti naive-a-Natalizumab hanno ricevuto Natalizumab ( follow-up mediano di 160 settimane ).

Eventi avversi gravi si sono verificati in 39 pazienti ( 13% ) con Natalizumab continuativo e in 24 ( 9% ) pazienti che hanno iniziato il trattamento con Natalizumab.

Due decessi si sono verificati nella parte 1, nessuno dei quali è stato considerato correlato al trattamento di studio.

Non si è verificato nessun caso di leucoencefalopatia multifocale progressiva.

Il trattamento con Natalizumab per la sclerosi multipla secondaria progressiva non ha ridotto la progressione all'endpoint primario di disabilità multicomponente nella parte 1, ma ha ridotto la progressione sulla componente dell'arto superiore.
Sono necessari studi a più lungo termine per valutare se il trattamento della sclerosi multipla secondaria progressiva possa produrre benefici su ulteriori componenti della disabilità. ( Xagena2018 )

Kapoor R et al, Lancet Neurol 2018; 17: 405-415

Neuro2018 Farma2018


Indietro