Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia comparativa di Rituximab e altre scelte di trattamento iniziale per la sclerosi multipla


Sono pochi gli studi comparativi che hanno valutato l'efficacia nel mondo reale delle scelte iniziali di trattamento modificante la malattia ( DMT ) per la sclerosi multipla recidivante-remittente ( RRMS ) con Rituximab.
Sono stati valutati l'efficacia e il tasso di interruzione di Rituximab tra i pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente di nuova diagnosi rispetto a terapia modificante la malattia iniettabile, Dimetilfumarato, Fingolimod o Natalizumab.

Uno studio di coorte retrospettivo ha utilizzato dati raccolti in modo prospettico per esaminare le cure specialistiche di 2 campioni di pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente provenienti dalla comunità svedese.
I pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente che hanno ricevuto diagnosi dal 2012 al 2015, che risiedevano a Stoccolma o nelle contee di Västerbotten sono stati identificati da un registro svedese di sclerosi multipla.

Sono state analizzate tutte le ragioni per l'interruzione del trattamento di scelta iniziale ( esito principale ) e le ragioni specifiche per il cambio di trattamento ( esiti secondari ).

Tra 494 pazienti ( età mediana 34.4 anni, 158 uomini, 32.0% ), 215 hanno ricevuto una terapia modificante la malattia iniettabile ( 43.5% ); 86 ( 17.4% ) Dimetilfumarato; 17 ( 3.4% ) Fingolimod; 50 ( 10.1% ) Natalizumab; 120 ( 24.3% ) Rituximab; 6 ( 1.2% ) altri trattamenti modificanti la malattia.

Le preferenze regionali sono state pronunciate, con 42 su 52 ( 81% ) e 78 su 442 ( 18% ) pazienti trattati con Rituximab rispettivamente a Västerbotten e a Stoccolma.

Il tasso annuo di interruzione per Rituximab, terapie iniettabili modificanti la malattia, Dimetilfumarato, Fingolimod e Natalizumab è stato, rispettivamente, pari a 0.03, 0.53, 0.32, 0.38 e 0.29.

L'attività continua di malattia è stata la ragione principale per la sospensione delle terapie iniettabili modificanti la malattia, Dimetilfumarato e Fingolimod; i risultati positivi della sierologia del virus di John Cunningham ( JCV; virus JC ) sono stati il ​​motivo principale per la sospensione di Natalizumab.

Il tasso di recidive cliniche e/o di attività della malattia neuroradiologica è stato significativamente più basso per Rituximab rispetto a terapie iniettabili modificanti la malattia e Dimetilfumarato, con una tendenza a tassi di recidiva più bassi anche rispetto a Natalizumab e Fingolimod.

Il tasso annuo di interruzione della scelta iniziale di trattamento è risultato significativamente più basso in Västerbotten rispetto a Stoccolma ( 0.09 e 0.37, rispettivamente ).

In conclusione, Rituximab è risultato superiore a tutti gli altri trattamenti modificanti la malattia in termini di interruzione del farmaco e ha mostrato una migliore efficacia clinica rispetto alle terapie iniettabili modificanti la malattia e Dimetilfumarato con significatività borderline rispetto a Natalizumab e Fingolimod.
La contea in cui Rituximab costituiva la principale scelta di trattamento iniziale ha mostrato esiti migliori nella maggior parte delle variabili misurate.
Collettivamente, i risultati hanno indicato che Rituximab abbia prestazioni migliori rispetto ad altri trattamenti modificanti la malattia comunemente usati in pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente di nuova diagnosi. ( Xagena2018 )

Granqvist M et al, JAMA Neurol 2018; 75: 320-327

Neuro2018 Farma2018


Indietro