Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Impatto dei tempi di transizione molto brevi sul passaggio da Natalizumab a Fingolimod all’imaging ed esiti di efficacia clinica nella sclerosi multipla


A causa della recidiva dell'attività della malattia nei pazienti con sclerosi multipla, è stato suggerito un periodo di washout inferiore a 3 mesi per il passaggio da Natalizumab ( Tysabri ) a Fingolimod ( Gilenya ). Tuttavia, periodi di transizione molto brevi inferiori a 1 mese possono essere più vantaggiosi.

L’analisi retrospettiva ha coinvolto i pazienti del Rocky Mountain MS Center presso l'Università del Colorado ( Stati Uniti ) che erano stati in trattamento con Natalizumab per 6 mesi o più prima di passare a Fingolimod; che avevano avuto un periodo di transizione minore o uguale a 6 mesi; e che avevano iniziato il trattamento con Fingolimod prima di novembre 2013.

I periodi di transizione sono stati raggruppati come segue: inferiore a 1 mese, 1-2 mesi e 3-6 mesi.

Gli esiti valutati hanno incluso misure cliniche e di risonanza magnetica entro un anno dall'inizio dell’assunzione di Fingolimod.

37, 56 e 24 pazienti hanno avuto, rispettivamente, un periodo di transizione inferiore a 1 mese, di 1-2 mesi e 3-6 mesi.
Le caratteristiche al basale erano ben bilanciate: età media 45-49 anni ( P=0.17 ), durata della malattia 11-13 anni ( P=0.42 ) e circa il 70% rappresentato da donne ( P=1.00 ).

Dopo il cambio di farmaco ( compreso il periodo di transizione ), le recidive cliniche sono state osservate nello 0% ( inferiore a 1 mese ), 12.5% ( 1-2 mesi ), 37.5% ( 3-6 mesi ) dei pazienti ( P minore di 0.001 ).

Nuove lesioni da captazione del Gadolinio si sono verificate nel 3.3% ( inferiore a 1 mese ), 13% ( 1-2 mesi ), 21.4% ( 3-6 mesi ) dei pazienti ( P=0.13 ).

Nuove lesioni T2 sono state osservate nell'11.1% ( inferiore a 1 mese ), 16.3% ( 1-2 mesi ), 33.3% ( 3-6 mesi ) dei pazienti ( P=0.28 )

 Non sono stati osservati eventi avversi inaspettati o leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML ).

In conclusione, ridurre al minimo i tempi di transizione da Natalizumab a Fingolimod è risultato vantaggioso e sicuro. ( Xagena2018 )

Vollmer B et al, J Neurol Sci 2018; 390: 89-93

Neuro2018 Farma2018


Indietro