Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Nessuna relazione tra assunzione di alcol e di caffeina e il rischio di sclerosi multipla


L'associazione tra assunzione di alcol e di caffeina e rischio di sclerosi multipla non è ben definita; non esistano studi prospettici che abbiano esaminato questa relazione.

Uno studio, condotto da ricercatori dell’Harvard School of Public Health a Boston negli Stati Uniti, ha preso in esame l'assunzione di alcol e di caffeina in relazione al rischio di sclerosi multipla.

Sono stati analizzati i dati di due ampie coorti di donne, il Nurses 'Health Study ( NHS; 92.275 donne seguite per il periodo 1980-2004 ) e il Nurses' Health Study II ( NHS II; 95.051 donne seguite per il periodo 1991-2005 ).
La dieta dei partecipanti è stata valutata al basale e ogni 4 anni.

Durante il follow-up, 282 casi di sclerosi multipla sono stati confermati con la comparsa dei sintomi dopo il basale.
Per 24 casi mancavano le informazioni sul consumo di alcol, pertanto l’analisi riguardo alla assunzione di alcol è stata effettuata su 258 casi.

Né il consumo totale di alcol, né il consumo di birra, vino o liquori sono risultati correlati al rischio di sclerosi multipla.
Il rischio relativo ( RR ) aggregato, aggiustato per variabili multiple, trovato confrontando categorie di assunzione di alcol da 0 g/die è stato pari a 1.07 per 0.1-4.9 g/die, 1.01 per 5.0-14.9 g/die, 1.21 per 15.0-29.9 g/die, e 0.80 per 30 g/die o valori superiori ( p per trend = 0.89 ).

L'assunzione di caffeina non è risultata significativamente associata al rischio di sclerosi multipla.
Il rischio relativo aggregato aggiustato per variabili multiple, confrontando il più alto al più basso quintile di assunzione di caffeina, è stato pari a 1.14 ( p per trend = 0.71 ).
La valutazione separata del caffè con caffeina e decaffeinato ha fornito risultati nulli.

Dallo studio non è emersa alcuna associazione tra assunzione di alcol e caffeina e rischio di sclerosi multipla. ( Xagena2013 )

Massa J et al, Mult Scler 2013; 19: 53-58

Neuro2013



Indietro