Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sclerosi multipla: attività di malattia dopo interruzione di Natalizumab


RESTORE è uno studio randomizzato, esplorativo, parzialmente controllato con placebo che ha valutato l’attività di malattia nella sclerosi multipla durante un'interruzione di 24 settimane del trattamento con Natalizumab ( Tysabri ).

I pazienti eleggibili erano liberi da ricadute durante l'anno precedente in cura con Natalizumab e senza lesioni captanti il Gadolinio agli screening di risonanza magnetica del cervello.

I pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 1:1:2 a continuare con Natalizumab, a passare al placebo, oppure a ricevere una terapia alternativa immunomodulante ( altre terapie: Interferone beta-1a intramuscolare [ IFN-beta-1a ]; Glatiramer acetato [ Copaxone ]; Metilprednisolone [ Medrol ] ).

Durante il periodo di trattamento randomizzato di 24 settimane, i pazienti sono stati sottoposti a valutazioni cliniche e di risonanza magnetica ogni 4 settimane.

I pazienti ( n=175 ) sono stati randomizzati a Natalizumab ( n=45 ), placebo ( n=42 ), o altre terapie ( n=88: Interferone beta-1a, n=17; Glatiramer, n=17; Metilprednisolone, n=54 ).

Dei 167 pazienti valutabili per l'efficacia, 49 ( 29% ) hanno mostrato recidiva di attività della malattia alla risonanza magnetica: 0/45 ( 0% ) con Natalizumab, 19/41 ( 46% ) con placebo, 1/14 ( 7% ) con Interferone beta-1a, 8/15 ( 53% ) con Glatiramer acetato, e 21/52 ( 40% ) con Metilprednisolone.

La recidiva si è verificata nel 4% dei pazienti trattati con Natalizumab e nel 15-29% dei pazienti negli altri bracci di trattamento.

L’attività di malattia alla risonanza magnetica è stata ricorrente a partire da 12 settimane ( n=3 alla settimana 12 ), mentre le ricadute sono state segnalate da 4-8 settimane ( n=2 alle settimane 4-8 ) dopo l'ultima dose di Natalizumab.

Nel complesso, 50 pazienti su 167 ( 30% ), tutti nei gruppi placebo o di altre terapie, hanno ricominciato precocemente la somministrazione di Natalizumab a causa della attività della malattia.

In conclusione, l’attività di malattia clinica e alla risonanza magnetica è ricomparsa in alcuni pazienti durante l'interruzione di Natalizumab, nonostante l'uso di altre terapie.

Questo studio ha fornito una prova di classe II che per i pazienti con sclerosi multipla che assumono Natalizumab e sono liberi da recidiva per 1 anno, l’interruzione di Natalizumab aumenta il rischio di recidiva di sclerosi multipla o di attività di malattia alla risonanza magnetica, rispetto alla somministrazione continua di Natalizumab. ( Xagena2014 )

Fox RJ et al, Neurology 2014; 82: 1491-1498

Neuro2014 Farma2014


Indietro