Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sclerosi multipla recidivante-remittente: risultati promettenti per Siponimod nell’estensione dello studio BOLD


L’estensione dello studio di fase 2 BOLD ( BAF312 on MRI Lesion Given Once Daily ), nei pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente trattati fino a 24 mesi con Siponimod, non ha mostrato alcun problema di sicurezza e bassa attività di malattia.
L’estensione aveva una durata di 2 anni.

Siponimod è un modulatore del recettore della sfingosina-1-fosfato ( S1P ), che viene somministrato 1 volta al giorno per via orale, ed è ritenuto essere più selettivo di Fingolimod ( Gilenya ).
Siponimod agisce solo sui sottotipi recettoriali 1 e 5.

Lo studio BOLD originale, randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco, aveva valutato la sicurezza e l’efficacia di Siponimod per un periodo di 6 mesi.
Avevano preso parte allo studio 252 pazienti da 73 Centri a livello mondiale.
Cinque differenti dosaggi di Siponimod sono stati confrontati con il placebo.
Siponimod ha ridotto le lesioni attive uniche combinate fino all’80% rispetto al placebo, a 6 mesi, con una relazione dose-risposta.

E’stato poi condotto uno studio di estensione con l’obiettivo di valutare la sicurezza e l'efficacia di Siponimod a 2 anni.
Hanno aderito 184 pazienti, e 159 hanno completato i 2 anni previsti.
I pazienti, trattati con Siponimod nello studio originale, hanno continuato ad assumere la stessa dose assegnata, mentre i pazienti trattati con placebo sono stati randomizzati a 5 diverse dosi di Siponimod ( 10, 2, 1.25, 0.5 e 0.25 mg ).

E’stato riscontrato un mantenimento della riduzione dell’attività alla risonanza magnetica per immagini ( MRI ), che era stata osservata nei primi 6 mesi.

Riduzioni medie nella conta delle lesioni captanti il Gadolinio in T1 sono risultate sostenute nei gruppi di dosaggio 10 mg, 2 mg, 1.25 mg e 0.5 mg a 24 mesi.
Le dosi di 1.25 mg e 2 mg hanno prodotto le più alte proporzioni di pazienti liberi da nuova attività all’MRI ( 58% per entrambi i gruppi ), e liberi da nuove lesioni in T2 o lesioni di recente allargamento ( rispettivamente, 61% e 58% ).
Le nuove lesioni o i recenti allargamenti delle lesioni in T2 sono risultati numericamente più bassi alle dosi eccedenti 0.25 mg.

Nello studio di estensione, la titolazione della dose durante i primi 10 giorni di trattamento ha mitigato gli effetti associati alla bradicardia e ai disturbi della conduzione atrio-ventricolare.
I tassi di eventi avversi tra i vari gruppi di dosaggio variavano tra 84% e 97%.
Eventi avversi gravi sono stati riportati in 9 pazienti ( 5% ) e ha riguardato un caso ciascuno di otosclerosi, gastrite, anafilassi, pielonefrite acuta, fratture del femore e dell’anca, carcinoma a cellule basali, neoplasia della cervice, e aborto.

L’interruzione del trattamento a causa di eventi avversi ha interessato 13 pazienti ( 7% ); sette hanno presentato linfopenia o ridotta conta linfocitaria al dosaggio di 10 mg. Altre reazioni avverse che hanno indotto i pazienti a sospendere il trattamento sono state: neutropenia, infezione respiratoria del tratto superiore, elevati livelli di transaminasi epatiche, ipertensione.

Siponimod alla dose di 2 mg è stato scelto per un ulteriore sviluppo come trattamento per i pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente. ( Xagena2016 )

Fonte: JAMA Neurology, 2016

Neuro2016 Farma2016


Indietro