Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Teriflunomide orale per i pazienti con sclerosi multipla recidivante


Teriflunomide ( Aubagio ) è un trattamento orale modificante la malattia approvato per il trattamento della sclerosi multipla recidivante o recidivante-remittente.

È stato condotto uno studio per fornire ulteriori prove della sicurezza e della efficacia di Teriflunomide in pazienti con sclerosi multipla recidivante.

Nello studio internazionale, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo e di fase 3 sono stati arruolati adulti di età compresa tra 18 e 55 anni con sclerosi multipla recidivante, 1 o più recidive nei precedenti 12 mesi o 2 o più nei precedenti 24 mesi ma nessuna recidiva nei 30 giorni precedenti e un punteggio sulla scala Expanded Disability Status Scale ( EDSS ) uguale o inferiore a 5.5 punti.

I pazienti sono stati reclutati da 189 siti in 26 Paesi e assegnati in maniera casuale e in un rapporto 1:1:1 a somministrazione giornaliera di placebo, Teriflunomide 7 mg o Teriflunomide 14 mg.

La durata del trattamento era variabile, con termine 48 settimane dopo l’arruolamento dell’ultimo paziente.

L’endpoint primario era il tasso annualizzato di recidiva ( numero di recidive per paziente-anno ) e il principale endpoint secondario era il tempo all’accumulo sostenuto di disabilità ( un aumento nel punteggio EDSS di almeno 1 punto, mantenuto per almeno un minimo di 12 settimane ), entrambi analizzati nella popolazione per intention-to-treat modificata ( tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno 1 dose del trattamento di assegnazione ).

Nel periodo 2008-2011, 1169 pazienti sono stati assegnati in maniera casuale a un gruppo di trattamento: 388, 407 e 370 pazienti hanno ricevuto almeno una dose di placebo, Teriflunomide 7 mg o Teriflunomide 14 mg, rispettivamente.

Al termine dello studio, il tasso annualizzato di recidiva è risultato più alto nei pazienti assegnati al gruppo placebo ( 0.50 ) che in quelli assegnati a Teriflunomide 14 mg ( 0.32; p=0.0001 ) o Teriflunomide 7 mg ( 0.39; p=0.0183 ).

Rispetto al placebo, Teriflunomide 14 mg ha ridotto il rischio di accumulo sostenuto di disabilità ( hazard ratio [ HR ] 0.68; log-rank p=0.0442 ); tuttavia, Teriflunomide 7 mg non ha avuto effetti sull’accumulo sostenuto di disabilità ( HR=0.95; log-rank p=0.7620 ).

Gli eventi avversi più comuni sono stati aumenti nelle concentrazioni di alanina aminotransferasi ( 8% nel gruppo placebo vs 11% nel gruppo Teriflunomide 7 mg vs 14% nel gruppo Teriflunomide 14 mg ), calvizie incipiente ( 4% vs 10% vs 13% ) e cefalea ( 11% vs 15% vs 12% ).

L’incidenza di eventi avversi gravi è risultata simile in tutti i gruppi di trattamento ( 12% vs 13% vs 12% ).

Si sono verificati 4 decessi, nessuno dei quali ritenuto legato al trattamento ( infezione respiratoria nel gruppo placebo, incidente stradale nel gruppo Teriflunomide 7 mg e suicidio e setticemia dovuta a infezione da Gram-negativi complicata da coagulopatia intravascolare disseminata nel gruppo Teriflunomide 14 mg ).

In conclusione, la Teriflunomide 14 mg è risultata associata a un minor tasso di recidiva e a un minor accumulo di disabilità rispetto a placebo, con profili di sicurezza e tollerabilità simili a quelli riportati in studi precedenti.
Questi risultati hanno confermato la relazione dose-effetto riportata in precedenti studi e sono a sostegno dell’uso di Teriflunomide 14 mg in pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente. ( Xagena2014 )

Confavreux C et al, Lancet Neurol 2014; 13: 247-256

Neuro2014 Farma2014


Indietro